San Valentino: notti bollenti in chiave low cost

San Valentino: notti bollenti in chiave low cost

Al bando i regali e le cene al ristorante: San Valentino diventa “casereccio” e garantisce sorprese ben più piccanti dei classici cliché legati alla ‘Festa degli Innamorati’. Scopri come promuovere la complicità in cucina come autentica arma di seduzione e la lista degli alimenti più propizi all’amore!

Occorre innanzitutto fare chiarezza tra la categoria dei cibi cosiddetti ‘funzionali’ e quelli afrodisiaci: primi sono in grado di produrre effetti fisiologici, i secondi stimolano invece alcune cellule del cervello, scatenando il desiderio. Per esempio, l’arginina contenuta nel merluzzo e nei suoi derivati, come lo stoccafisso, può aiutare – dal punto di vista fisiologico - le funzioni erettili dell’uomo. Questo prezioso aminoacido contribuisce infatti a dilatare i vasi sanguigni e quindi facilita il riempimento dei corpi cavernosi. Per contro, altre sostanze, come la caffeina, sono invece definite afrodisiache perché in grado di agire come veri e propri stimolanti a livello cerebrale.

Tuttavia, gli effetti degli alimenti in sé non bastano. Dal punto di vista antropologico e psicologico, per accendere la passione occorre predisporre anche gli animi e gli umori. Al di là dei piaceri della tavola e della compagnia, un intero universo può nascondersi dietro alla preparazione del cibo in coppia. La festa di San Valentino può quindi essere una buona occasione per dedicarsi alla cucina a due, a vantaggio dell’intimità e della passione.

La “top 7” dei cibi più efficaci per accendere il desiderio. Per creare menu “piccanti” ed ottenere l’effetto seduttivo desiderato si possono abbinare, sempre secondo il parere del nutrizionista, gli alimenti più ricchi delle sostanze con effetti funzionali e afrodisiaci:

  • stoccafisso: funzionale per il suo ricco contenuto di arginina (1,8 grammi di arginina per 100 grammi di pesce);

  • caffè e guaranà: sono considerati afrodisiaci per il loro contenuto di caffeina, forse il più noto tra gli stimolanti cerebrali naturali;

  • cioccolato: (specie quello fondente con un’alta percentuale di cacao) è afrodisiaco e funzionale perché è ricco di feniletilamina, un blando eccitante in grado di stimolare alcune catene nervose del nostro cervello, e di polifenoli antiossidanti che “prolungano l’attività” del Nitrossido che aiuta l’erezione maschile;

  • peperoncino: contiene composti in grado di contribuire alla funzione erettile maschile. L’efficacia di queste sostanze dipenderebbe dalla loro capacità di stimolare la produzione, da parte dell’organismo umano, di una piccola proteina, denominata VIP, che facilita la dilatazione dei vasi sanguigni e quindi il riempimento dei corpi cavernosi;

  • sedano: considerato afrodisiaco, per la presenza di vitamina E e della sua azione ‘rivitalizzante’;

  • tartufo: afrodisiaco, perché contiene sostanze complesse, simili per struttura chimica agli ormoni sessuali;

  • melograno: funzionale grazie al succo dei suoi semi, che, soprattutto appena schiacciato, ha un altissimo contenuto in antiossidanti  che aiutano a prolungare l’attività del Nitrossido, amplificandone gli effetti sulla funzione erettile maschile.

Per una cena in grado di accendere la passione, è fondamentale invitare il partner a cucinare assieme e a scegliere un pasto a base di alcuni degli alimenti citati. L’effetto non è necessariamente additivo ma molti dei cibi ricordati possono contribuire a rendere indimenticabile la serata.